oooo

Giovane mamma colta da malore all’uscita da scuola: provvidenziale l’intervento di un’agente della Municipale

by / 126 Visualizzazioni / 16 gennaio 2015

E’ accaduto a Montemurlo davanti alla media Salvemini La Pira. La donna stava attendendo il figlio quando è stata colta da una crisi epilettica. L’allarme dato da uno studente che ha richiamato l’attenzione dei poliziotti. Provvidenziale intervento degli agenti della polizia municipale di Montemurlo, che durante il loro lavoro quotidiano, ieri mercoledì 14 gennaio si sono distinti per aver contribuito a salvare una vita.

Intorno alle 13,20 due agenti del comando di via Toscanini erano in servizio alla scuola media “Salvemini La Pira” di via Deledda e stavano facendo attraversare la strada in sicurezza agli studenti che uscivano dall’istituto. Ad un tratto, però, un ragazzino trafelato e impaurito si è rivolto agli agenti chiedendo il loro intervento, perché una donna in un auto poco distante non stava bene. Uno dei due agenti, allora, si è diretto verso via Rodari, dove una donna, ferma con la propria auto sul lato della strada, era in preda ad una forte crisi epilettica. L’agente,CANTINI Giampaola volontaria della MISERICORDIA DI MONTEMURLO e che possiede il livello avanzato di primo soccorso, si è immediatamente accorta di quanto stava avvenendo ed ha provveduto a fare le prime manovre di soccorso per mettere in sicurezza la donna e mantenerla sotto controllo in attesa dell’intervento del 118. Dopo dieci minuti, allertata dai vigili, è arrivata l’ambulanza della Misericordia di Montemurlo con il personale medico e la donna è stata poi trasportata all’ospedale di Prato.
Poco distante dall’auto gli agenti della polizia municipale hanno trovato il figlio della donna, un ragazzo che frequenta la scuola media, che aspettava la mamma per rientrare a casa. Il ragazzo, dopo aver assistito al malore della mamma e alle manovre di soccorso, era in lacrime, comprensibilmente spaventato. I due agenti della Municipale lo hanno così preso in consegna, hanno avvertito il padre che era fuori casa per lavoro e quindi lo hanno accompagnato dalla nonna.
Le crisi di tipo epilettico, soprattutto quando perdurano o si ripetono in modo ravvicinato, richiedono una terapia medica immediata per evitare conseguenze ben più gravi e dunque, in questo caso l’intervento dei vigili è stato provvidenziale. Molti degli agenti in servizio al comando di via Toscanini sono formati appositamente per prestare primo soccorso in caso di emergenza sanitaria e periodicamente effettuano corsi di aggiornamento per essere sempre pronti ad intervenire in caso di necessità. “Vorrei ringraziare i nostri agenti per la prontezza dell’intervento e la professionalità dimostrata. – sottolinea il sindaco, Mauro Lorenzini – I vigili non sono solo coloro che fanno le multe in caso d’infrazione delle leggi. Gli agenti del comando di via Toscanini sono dei punti di riferimento per la comunità e in questa occasione, ancora una volta, hanno dimostrato il loro valore e la loro umanità”.
Fonte: Notizie di Prato